Guardando l’alta valle del Tevere si innalza il grazioso borgo di Castiglione in Teverina.

Sorto intorno all’Anno Mille, è posizionato al confine tra Lazio ed Umbria, a 38km di Viterbo, è situato a 228mt s.l.m. ed ha una superficie di 19,89km2.

Le caratteristiche ne hanno determinato il nome, sorge infatti intorno ad una roccaforte, da cui Castiglione, sulla valle del Tevere, la cui specifica è stata posta successivamente per distinguere il borgo da altri con la stessa denominazione.

Il territorio era abitato in passato da Etruschi e Villanoviani e inizialmente fece parte della provincia di Roma, prima della nascita della provincia di Viterbo.

 

Un viaggio tra arte e storia

 

Giungendo nel paese si ha subito la sensazione di tranquillità e silenzio, lontano dal traffico cittadino, e si viene accolti da case circondate da piccoli giardini.

Entrando nel centro storico si resta affascinati dalle sue caratteristiche che ricordano il passato.

Entrando nella chiesa collegiata dei Santi Filippo e Giacomo si possono ammirare le molte opere di rilievo che ospita, e salendo sulle torri dell’antica rocca Monaldeschi del XII secolo si può apprezzare la vista del paesaggio suggestivo della valle, tra feritoie, finestre ed archi a sesto acuto.

Dalla piazza di può ammirare il lago artificiale di Alviano, che è rifugio di numerose varietà di uccelli acquatici, tanto da farlo diventare un’oasi del WWF.

Proseguendo all’interno del paese si giunge nella piazza di San Giovanni, antico cuore del paese, dove si trovano i ruderi dell’omonima chiesa e la torre campanaria che si erge sull’arco che all’inizio era la porta di accesso al paese.

Dalla piazza, attraverso un portone in travertino, si può accedere in un cortile cinquecentesco, caratterizzato da affreschi sugli archi e le volte.

Ai piedi della collina si posso visitare la chiesa della Madonna della Neve, del periodo del 1500, ed i resti di un insediamento etrusco di pianura.

 

Eventi in paese

 

castiglione in teverina comuneNel cuore del borgo si trova Il MUVIS, il museo del vino e delle scienze agroalimentari, il più grande museo del vino d’Europa che rappresenta una tappa importante per appassionati e non.

Nei sei piani, di cui quattro sotterranei, della cantina il visitatore è coinvolto a pieno tra le tracce materiali e immateriali del mondo contadino.

Molte sono le feste in paese che esaltano le caratteristiche enogastronomiche del paese.

Ad agosto si tiene la Festa del Vino dei Colli del Tevere, durante la quale è possibile partecipare alle visite guidate del museo, alle rassegne e agli spettacoli musicali.

La Festa della Trebbiatura riporta l’aria contadina in paese a Luglio, rievocando l’antica tradizione della mietitura e della trebbiatura, con canti tradizionali e giochi popolari.

In occasione di San Martino a Novembre, si tiene la Festa di San Martino Olio Funghi e Vino, con visite guidate, mostre e degustazione dei prodotti tipici.

 

Feste religiose

 

Non mancano le ricorrenze religiose in occasione dei festeggiamenti dei patroni del paese.

Il 5 Agosto c’è la Festa della Madonna della Neve, appuntamento estivo importante del borgo, e durante la settimana si susseguono momenti religiosi, eventi musicali e degustazioni gastronomica.

Il momento caratteristico è rappresentato dalla nevicata e dai fuochi d’artificio alla fine della processione solenne.

A fine Aprile si tengono i festeggiamenti in onore del SS.

Crocifisso con momenti religiosi, festival musicali, giochi, spettacoli cinofili e gare ciclistiche.